Stampa
PDF

La Nuova Zelanda teme la concorrenza low cost

on . Postato in News Cineturismo - News dall'estero

La Nuova Zelanda teme di perdere il suo primato mondiale delle location cinematografiche a vantaggio delle nuove mecche low cost - L'enigma di Avatar e le promesse di Spielberg - Il tocco di Jackson e il Signore degli Anelli - Gli incentivi fiscali e la fattoria di Cameron.

avatarLo chiamano il “tocco” di Peter Jackson, ma poterebbe ben presto perdere efficacia.
La Nuova Zelanda, importante centro per l’industria cinematografica mondiale, grazie anche al successo del regista del Signore degli Anelli, potrebbe presto perdere in appetibilità, a favore di altre location più economiche.
Un business internazionale - Indubbiamente il visionario regista neozelandese, proiettato al successo internazionale per la trasposizione cinematografica della trilogia di Tolkien, ha messo Wellington nella mappa delle location cinematografiche più richieste al mondo. A parte la natura incontaminata e i paesaggi mozzafiato, il Paese oceanico, e la sua capitale in primis, offrono anche strutture logistiche all’avanguardia per la produzione di film d’azione e cartoni animati. La Weta Digital (effetti speciali), la Weta Workshop (costumi e scenografie) e gli Stone Street Studios, appartenenti a Jackson, al pluripremiato mago di trucchi e costumi Richard Taylor e Jamie Selkirk, si sono aggiudicati importanti contratti negli effetti speciali di film di successo, quali X-Men, Le cronache di Narnia, I viaggi di Gulliver e il remake di A-Team. Weta Digital è oggi il secondo più importante gruppo di animazione digitale al mondo dopo la statunitense Pixar.

L’enigma Avatar - Questo primato duramente conquistato, però, potrebbe essere facilmente perso perché sempre più Paesi cercano di attirare le grandi produzioni cinematografiche, promettendo condizioni di favore e, spesso, bassa manodopera. Per il momento Steven Spielberg ha confermato che il secondo film di Tin Tin, a cui seguirà probabilmente un terzo, sarà diretto da Jackson. Le riprese cominceranno non appena il regista kiwi avrà terminato la produzione dello Hobbit, il film tratto dal romanzo di Tolkien che vede Ian McKellen e Martin Freeman tra i suoi interpreti e che verrà inaugurato proprio a Wellington il prossimo novembre. Proiettata nelle sale lo scorso anno, la prima avventura cinematografica di Tin Tin, intitolata Il segreto dell’unicorno, ha finora incassato 371 milioni di dollari in tutto il mondo e il secondo episodio promette di essere un altro hit.

Nonostante la conferma dell’impegno di Spielberg e il contratto per fornire gli effetti speciali al nuovo film di Superman-Uomo d’acciaio, l’industria cinematografica kiwi trema per la possible perdita di quello che si preannuncia un nuovo successo di botteghino. La posta in gioco è alta. Più di 360 milioni di dollari neozelandesi (224 milioni di euro) sono stati spesi in Nuova Zelanda (di cui almeno 100 nella sola città di Wellington) e 1500 persone sono state impiegate per la produzione della prima puntata di Avatar, il blockbuster fantascientifico di James Cameron che ha stracciato il record di utili registrato dal Titanic. Centinaia di animatori digitali hanno lavorato per anni sulle complesse immagini generate al computer. Il gruppo Weta ha anche prodotto il disegno concettuale, i costumi, le armi e le attrezzature per il film ecologista.

avatarpandoraAvatar è stato un film importante per l’industria cinematografica downunder perchè è stato il primo, enorme successo internazionale, a essere stato prodotto interamente in Nuova Zelanda, a parte i film di Jackson che, però, giocavano in casa.
Ora a Wellington si teme che la Lightstorm Entertainment, la società di Cameron, scelga di girare Avatar 2 e 3 altrove, in una delle nuove mecche cinematografiche low cost. Una decisione questa che infliggerebbe un serio colpo all’industria neozelandese, dopo che la Twenty Century Fox, che ha prodotto il primo Avatar, ha registrato profitti pari a 1,35 miliardi di dollari Usa (grazie ad Avatar e il cartone animato The Ice Age) e si è vista assegnare sconti fiscali per ben 53 milioni di dollari neozelandesi (33 milioni di euro) dal Governo kiwi.

Sconti fiscali - Secondo il Large Budget Screen Production Grant (LBSPG), infatti, le produzioni cinematografiche che spendono più di 15 milioni di dollari neozelandesi (9,4 milioni di euro) nel Paese australe, possono accedere a contributi pari al 15% delle spese effettuate. Dal 2007, il grant è stato esteso anche ai film che effettuano solamente lavori di post-produzione, o di effetti visivi e digitali per una spesa che va dai 3 ai 15 milioni di dollari. “Godiamo di una grande reputazione in tutto il mondoafferma Delia Shanley, manager di Film Wellington per il talento dei nostri tecnici nel campo degli effetti speciali e della produzione cinematografica”. Senza queste agevolazioni, però ammette Shanley, i grandi studios americani non si sarebbero mai avvicinati alla Nuova Zelanda.

Dal 2003 il Governo di Wellington ha versato 189,4 milioni di dollari (118 milioni di euro) alle produzioni straniere. Sforzi che hanno contribuito alla generazione, per la produzione cinematografica locale, di profitti esteri per 542 milioni di dollari (338 milioni di euro) nel solo 2009, ponendo il Paese al terzo posto mondiale dopo Canada e Gran Bretagna in questo settore di business.

La concorrenza - Molti Paesi hanno fiutato l’affare e sono ora messi sul mercato con pacchetti concorrenziali. La Corea del Sud, per esempio, ha recentemente annunciato che investirà 178 milioni di dollari Usa nell’industria computer graphics, con un focus sulla tecnologia 3D, in un chiaro tentativo di inserirsi in un business altamente profittevole, riportato in auge proprio da Avatar. Incentivi fiscali sono stati anche promessi dallo Stato della California, che ha annunciato crediti per almeno il 20% delle spese, e quello della Florida che lanciato nei giorni scorsi un pacchetto di incentivi fiscali dal valore di 300 milioni di dollari per varie industrie, quella dell’intrattenimento compresa. Molti Stati statunitensi stanno approntando pacchetti simili per riportare l’industria cinematografica entro i confini americani, dopo l’esodo di massa degli ultimi anni a causa degli alti costi di produzione interni. Altri Paesi in prima linea sono il Canada, la Repubblica Ceca, Irlanda e Messico.

Fiato sospeso - La notizia che Cameron abbia acquistato una fattoria nella regione di Wairarapa, a una decina di minuti di volo di elicottero dai tetti della Weta di Jackson, ha fatto pensare a molti che il geniale regista americano si affiderà ancora al talento neozelandese per le sue opere. Allo stesso tempo, però, Cameron e il suo team hanno spostato la loro sede di lavoro nel Media Campus di MBS a Hollywood dove sono stati prodotti film del calibro di I pirati dei Caraibi e Iron Man. La Nuova Zelanda resta col fiato sospeso.

Fonte: FIRSTonline

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
Altri Articoli :

» Stessa location… ma film diversi! I dieci set che sono stati riutilizzati.

Ecco alcuni esempi di come il cinema hollywoodiano cerchi sempre di riciclarsi! Li riconoscete ?Ci sono moltissime produzioni cinematografiche che scelgono di costruire tutti i set ex novo, ma mica tutte! Alcune...

» Supergirl: produzione cambia location per diminuire costi

Deadline riporta che Warner Bros. Television starebbe considerando seriamente la possibilità di spostare la produzione di Supergirl, il serial della CBS che vede protagonista Melissa Benoist, da Los Angeles a Vancouver...

» Star Wars 8: Iniziate le riprese a Dubrovnik, continueranno in Irlanda...

A Dubrovnik sono iniziate le riprese di Star Wars 8, intanto in Irlanda arriva la conferma di una nuova location.In Croazia è scattata finalmente l’ora X: alle 18 di ieri sono iniziate le riprese di Star Wars 8 nella...

» Due interessanti Location

LA MAGICA E SPETTRALE STRADA ALBERATA DI DARK HEDGESLo chiamano "effetto Hobbit". Quando le location di un libro, film o serie televisiva, vengono letteralmente prese d'assalto da orde di fan e curiosi, creando una...

» Star Wars 8: le foto della location in Irlanda

Sappiamo che la produzione dell’VIII episodio di Star Wars è alle porte, come annunciato negli scorsi giorni da LucasFilm: il regista Rian Johnson è infatti sul set sull’isola Skellig Michael, al largo della costa...

» Sergio Misuraca presenta fuori dal coro: "ero il cuoco di Robert De Niro ma sognavo il cinema"

(Di Francesca R. Gentile)E fu così che il sogno nel cassetto di un cuoco siciliano emigrato in America divenne realtà. Stiamo parlando di Sergio Misuraca, oggi regista dell’opera prima Fuori dal Coro, che negli anni...

» Produttori internazionali in cerca di location a Pisa

Si è chiusa oggi la quattro giorni tutta dedicata al cinema. Pisa ha infatti ospitato oltre 100 produttori cinematografici internazionali arrivati in città per partecipare al convegno annuale Ace-Atelier du Cinema....

» Soldi pubblici per il film flop: "Leoni" alla Corte dei conti

Esposto di un regista: 800 mila euro da Regione e Ministero, incassi di 89 mila euroIl film “Leoni” si è divorato 800 mila euro di finanziamenti pubblici (700 mila la Regione Veneto, il resto il ministero dei Beni...

» Dai Beatles a Frozen, 40 milioni viaggiano inseguendo il cinema

Quanto è importante il cinema per il turismo? A tentare di dare una risposta concreta è una giornalista americana, che passa in rassegna i migliori esempi di "cineturismo"Heidi Mitchell, giornalista di Yahoo Finance,...

» BIT: Un successo la partecipazione della Basilicata

MILANO (AGG) - E` stato un successo la partecipazione della Basilicata alla Bit-Borsa Internazionale del Turismo conclusasi oggi a Milano e Matera Capitale della Cultura 2019 si è confermata la grande attrazione del...