Stampa
PDF

Film Commission Campania senza soldi. Possibile stop a dieci produzioni

on . Postato in News Cineturismo - News dall'Italia

 

 

La denuncia a Cannes di Gaetano Di Vaio. Il direttore Gemma: "Ho inviato una circolare a tutti i produttori"

 

Gaetano Di VaioLa platea è quella del grande cinema: il festival di Cannes. E la denuncia diventa importante. In un lungo post su Facebook, l'attore e produttore Gaetano Di Vaio rivela che la "Regione Campania non dà strumenti e risorse economiche da più di 10 anni alla Film Commission". E non solo: "Maurizio Gemma, che è il direttore generale, non percepisce il proprio stipendio assieme alla sua stretta collaboratrice, Simona Monticelli da mesi e mesi".Un post, scritto e riscritto per tre giorni, come dice l'attore-produttore, che tenta di scongiurare l'inizio della fine dei grandi set in Campania.
Ma non sono solo parole sui Social. Perché ieri a Cannes c'era il Film Commision Day e Maurizio Gemma ha annunciato: "Oggi la Campania si ferma".
È stata inviata una circolare alle dieci produzioni in corso, tra cui una serie televisiva firmata da Ivan Cotroneo, cinque film d'autore, di cui uno di Francesco Albanese e la commedia su Scampia dei fratelli Manetti, due tv movie e una manciata di documentari. "Non possiamo più assicurare i servizi in esterna - spiega amaro Gemma - Dobbiamo nostro malgrado ridurre drasticamente le nostre attività. Al massimo possiamo assicurare un lavoro d'ufficio.
"È assurdo, ma anche mortificante e umiliante che a festival di questa portata mondiale come quello di Cannes - scrive Di Vaio - la Regione Campania non sia rappresentata. È una vergogna per la nostra bellissima regione, ma anche per noi produttori indipendenti napoletani e campani non supportati nei festival internazionali come sono supportati anche qui a Cannes tutti i produttori di altre regioni italiane. E ne esce penalizzata soprattutto Napoli". Di Vaio chiede l'intervento del "Clercc (comitato per una legge regionale per il cinema campano), ma anche il sindaco di Napoli e dei produttori napoletani di importanza internazionale come Nicola Giuliano. Napoli non è provincia".
"Negli scorsi anni siamo riusciti a resistere, a sopravvivere alla giunta uscente, mantenendo una condizione di minima e dignitosa operatività - spiega Gemma - Con questa giunta avevamo sperato che si potesse ripartire, che soprattutto si potesse in qualche modo finalmente stabilire una vera e propria politica dell'audiovisivo". Invece a ottobre quando si è aperto un dibattito "c'è stato solo toto nomi consiglio di amministrazione - attacca gemma - Ma noi siamo una struttura amministrativa. Non ci servono amministratori, ci serve una legge che consideri le diverse filiere dalla formazione, alla produzione, fino ad arrivare alla promozione. Abbiamo bisogno di regole certe".
Gemma parla di un "paradosso". In dieci anni la Film Commision
Campania ha dato supporto a 600 titoli sul nostro territorio, tra cui l'ultima Gomorra, la seconda serie (il primo titolo di coda ringrazia proprio la Film Commission) e invece "a Cannes siamo costretti a prendere atto che siamo alla vigilia di una chiusura totale". Amaro l'ultimo commento: "Devo pensare che i nostri politici non vanno spesso al cinema per non capire che così stanno lasciando morire il nostro territorio...".

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
Altri Articoli :

» Film Commission, si rinnova l’accordo Basilicata-Calabria

È stato prorogato per altri tre anni il progetto Lu.Ca, accordo di cooperazione nel cinema e audiovisivo tra le regioni Basilicata e Calabria. Che, attraverso le rispettive film commission, già da un anno collaborano...

» Iniziano le riprese in Puglia del film "Il bene mio"

“Torno al lungometraggio con una storia che mi appartiene profondamente, racconta di una comunità perduta, dissolta con un terremoto, e di un uomo che si ostina a difenderne la memoria. La sua è una voce fuori dal...

» Film Commission Torino Piemonte a Venezia con 4 progetti

Anche quest’anno Film Commission Torino Piemonte sarà presente a Venezia, per accompagnare i progetti piemontesi che sono stati selezionati in varie sezioni della 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica....

» Volterra batte tutti aggiudicandosi il set dei Medici

Finalmente arriva la conferma che tutti in città aspettavano: il cuore di Volterra si prepara ad abbracciare il set della serie televisiva dei record I Medici–Masters of Florence, kolossal italo-britannico in otto...

» 8 progetti finanziati con Apulia Film Fund

L’Apulia Film Commission comunica che sono stati resi pubblici gli esiti della prima sessione delle graduatorie provvisorie dei progetti ammessi, finanziati e non, dell’ultimo avviso pubblico Apulia Film Fund 2017...

» L’Apulia Film Commission finanzia quattro nuovi film

La Puglia terra di Cinema: L’Apulia Film Commission finanzia quattro nuovi film e altrettanti corti: “Diversamente family” (Tramp Limited Srl) di Maria Di Biase e del pugliese Corrado Nuzzo (70.245,50 euro); “Il...

» Lecco Film Commission ancora alle prese con gli indiani

Il cinema indiano ha scelto ancora Lecco per una nuova produzione del filone romantico basato sul caratteristico mix di musica, canzoni e danza.Domani, 15 giugno, la troupe del film “Tarak” girerà al mattino nella...

» Movie Tour Wonder woman

Cinema, da oggi nelle sale 'Wonder Woman'. Domenica il movie tour al Castel del MonteIn occasione dell’uscita mondiale di “Wonder Woman” prodotto dalla Warner Bros. Entertainment e del Wonder Woman Day, il 4...

» Apulia Film Commission premiata al Festival di Busto Arsizio

“L’Apulia Film Commission, con il passare degli anni, si è dimostrata un punto di riferimento sicuro e credibile per i registi e i produttori italiani, contribuendo in modo decisivo alla rinascita del nostro cinema...

» L'impatto economico dell'audiovisivo sul territorio pugliese

La Fondazione Apulia Film Commission, nell’anno in cui si registrano i suoi primi 10 anni di attività, ha realizzato uno studio accurato sulle ricadute economiche e sociali che il settore audiovisivo ha avuto sul...