Stampa
PDF

Da vedere ad Ischia

on . Postato in BILC - Soggiornare a Ischia

Tra una proiezione cinematografica ed una serata all'insegna del cinema, l'Ischia Film Festival vi consiglia di andare alla scoperta dell'isola e delle sue bellezze. Non basteranno pochi giorni per ammirare tutte le particolarità di Ischia ma siamo sicuri che anno dopo anno diventerete appassionati frequentatori del festival e dell'isola, trovando ogni anno, nuovi film e nuovi luoghi da scoprire.

 I Parchi termali

Giardini Poseidon: Il parco termale più grande dell'Isola d'Ischia si trova nella baia di Citara, nella parte ovest, nel Comune di Forio. Raggiungibile con il bus di linea 2 e 14. Vi aspetta un parco formato da diverse piscine termali dislocate sia su terrazze che su zone pianeggianti direttamente in riva al mare. Sedie sdraio, lettini ed ombrelloni decorano il parco e la spiaggia privata sottostante.
Venti piscine termali con temperature che vanno dai 30 - 40°C sono fornite di tutti i confort (idromassaggi, cascate, ecc.) e sono incastonate in un immenso giardino fiorito. Qua e la si trovano alte particolarità come per esempio la sauna naturale ricavata in una roccia, la piscina ed il percorso Kneipp, la piscina coperta, il reparto beauty, ecc.

Parco Termale Negombo. La Baia di San Monatano è situata nel Comune di Lacco Ameno, e proprio presso questa baia sorge l'esotico parco termale del Negombo. Lacco Ameno viene raggiunto dai bus di linea: CS, CD, 1 e 2. Si prosegue quindi a piedi lungo il corso in riva al mare e si raggiunge il parco termale in circa 15 minuti. Oppure si scende alla fermata "San Lorenzo" ed in 5 minuti si è nel parco termale.
Il parco termale deve la sua fama alle piante esotiche ed all'architettura del parco, concepito per essere una simbiosi tra natura e parco termale. Dieci piscine termali integrate perfettamente in quello che sembra un bosco incantato aspettano i turisti più ambiziosi. Diverse sculture di artisti famosi sono collocate nel parco ed invitano alla scoperta ed alla riflessione.

Parco Termale Castiglione. In una valle all'inizio del Comune di Casamicciola Terme si trova il parco termale Castiglione. Il parco termale è molto facile da raggiungere con i bus di linea: CS, CD, 1, 2 e 3. La fermata si chiama "Castiglione". Si raggiungono le piscine termali tramite una funicolare che porta le persone, in continuazione dal parcheggio macchine / cassa alle diverse terrazze ove sono collocate le piscine termali.
Già dal tempo dei romani questa zona era conosciuta per le sue miracolose acque termali. Adornano il parco alberi ed aiuole fiorite che circondano le 9 piscine termali con temperature che vanno da 30 - 40°C.

Fonte delle Ninfe Nitrodi: Antichissima la tradizione curativa, risalente, addirittura, al periodo Greco dell’isola d’Ischia (VIII sec.a.C.) come attesta il suo stesso nome. Le Ninfe Nitrodi, a cui la fonte era dedicata, sono ricordate in tutti i testi classici greco-latini, da Omero in poi. L’acqua è classificata minerale naturale ipotermale solfata. Le proprietà terapeutiche sono state riconosciute dal Ministero della Salute. Ci si può bagnare sotto le bocche di erogazione, perché così l’acqua da il meglio di se e dopo essersi asciugati al sole sentire sulla pelle un magico benessere.

Il Parco Giardino Thermae e Relax “Il Ninfario” gode di un’ eccezionale posizione, nella Baia di Cartaromana permettendo di godere di una cromoterapia ed aromaterapia naturale con le sue vasche e cascate di acqua termale sulfurea. Il Parco, grazie alle sue vasche di acque termali, le zone prendisole, i querceti e la  discesa privata alla spiaggetta è un’oasi di serenità per un’amena vacanza. Agli ospiti del Festival sarà praticato uno sconto del 10%  sull’ingresso al parco giardino. Tale sconto sarà aumentato al 20% per gli ospiti che usufruiranno anche del ristorante Giardino delle Ninfe & La Fenice

Luoghi incantevoli dell'isola

Sant'Angelo.Incantevole borgo marinaro
Raggiungibile con le linee bus CD e CS.
Dalla fermata dell'autobus si prosegue
in una caratteristica area pedonale.

Borgo Sant'Angelo
Chiesa Soccorso Forio

Chiesa del Soccorso a Forio.
Autobus CS e vari altri.
Per raggiungere la chiesa è necessario un
breve tragitto a piedi nel centro di Forio

Spiaggia dei Maronti a Barano d'Ischia.
Vi si arriva con l'autobus di linea 5.

Spiaggia dei Maronti
Scogli di Sant'Anna

Veduta sul Castello Aragonese e Scogli di
Sant'Anna dalla Torre di Michelangelo.
Da Ischia Ponte vi si può accedere a piedi o
in TaxiBoat (che approda al Ristorante Cocò)
In BUS usare la linea C12 o la linea C13
.

Baia di Cartaromana e scogli di S.Anna.
Vi si può accedere in barca con
servizio di TaxiBoat o via terra
con
linea C12 o la linea C13
Chi accede in barca, infondo alla spiaggia
troverà una sorgente naturale di acqua
termale, che non è raggiungibile via terra

baia cartaromana
Fungo di Lacco Ameno

Fungo di Lacco Ameno.
Uno scoglio di tufo verde chiamato
"il Fungo" per la sua forma singolare.
Originariamente precipitata dal Monte
Epomeo, la roccia ha acquisito la sua
forma grazie all'erosione naturale del
mare e del vento.

Autobus CS e vari altri.

Museo Archeologico Villa Arbusto.
Leggi in basso le indicazioni sul Museo
Archeologico di Pithecusae.

Autobus CS e vari altri.

Villa Arbusto

Panorama da Campagnano Veduta da Campagnano.
Da quì si può ammirare il Castello
Aragonese ma soprattutto l'isola
di Vivara e l'isola di Procida
stagliate dinanzi al Vesuvio.
Vi si accede con la Linea 8

 

 

 

 




Monte Epomeo
.
Raggiungibile con le linee bus
CD e CS. Dalla sua cima si domina
a 360° il panorama dell'intera isola.
Gli sportivi possono salire a piedi.
Ai meno allenati consigliamo il mulo.

Salita al monte sul dorso del mulo

Fonti di Sorgeto

 

 

 

 

 

 



Fonti termali naturali di Sorgeto.
Raggiungibile con le linee bus CD e CS.
Dalla fermata dell'autobus si prosegue
a piedi. Il luogo è incantevole ma
sconsigliamo il tragitto a chi non è
abituato a lunghe passeggiate a chi
soffre di malattie cardiache o ipotensione.

Il Castello Aragonese che ospita tutte le proiezioni dell'Ischia Film Festival e gran parte degli incontri della BILC è la principale attrazione turistico culturale dell'isola. In origine fu costruito come castrum nel 474 a. C. da Gerone da Siracusa, e dopo un lungo periodo di abbandono, nel XIV secolo raggiunse il suo massimo splendore. Sotto la dinastia degli Aragonesi, iniziando da Alfonso I, la primitiva fortezza fu arricchita di mura, palazzi e di ben 13 chiese, divenne un centro politico, culturale e spirituale di notevole interesse. Al suo interno vivevano quasi 2000 famiglie, circa 5000 persone. La corte rinascimentale della nobile poetessa Vittoria Colonna fu l'apice dello splendore e l'inizio della decadenza, che durò più di un secolo. E' visitabile tutti i giorni dalle ore 9:00 all'imbrunire.
Scopri tutti i luoghi da visitare al castello e le location del festival.

Parco Botanico La Mortella. A partire da ogni primavera dal 1990 è aperto al pubblico il meraviglioso giardino della villa "La Mortella" di Forio d'Ischia, ricco di 800 varietà di piante tropicali e mediterranee, disegnato negli anni '60 dall'architetto inglese Russell Page e strappato alla roccia dai coniugi William e Susana Walton. Autobus CS e vari altri. Fermata Zaro

Il museo civico archeologico di Pithecusae Aperto al pubblico nell'aprile del 1999, il Museo Civico Archeologico di Pithecusae si compone di otto sale ove sono esposti, secondo gli accorgimenti della museografia moderna, oltre tremila reperti, una parte soltanto di quelli portati alla luce dal Dott. Giorgio Buchner, le cui ricerche archeologiche hanno fatto indicare in Pithecusae il più antico stanziamento greco in Italia meridionale, tra i reperti esposti la famosa Coppa di Nestore. Autobus CS e vari altri Fermata "Villa Arbusto"

Il Museo del Mare è ospitato nel più antico e prestigioso palazzo del patrimonio comunale, nel Borgo di Cesa: la Torre dell'Orologio a Ischia Ponte. Inaugurato alla fine del 1996, vuole esprimere la peculiarità della storia isolana. La terra nata dal mare, il suolo che da sempre ha trovato nel mare il proprio destino, lavoro e amore, ha diritto a una memoria collettiva ben visibile. Oggetti e reperti museali esposti al godimento del pubblico sono il concreto risultato del lavoro volontario svolto da un gruppo di persone motivate unicamente dalla passione e curiosità per le proprie radici storiche, sociali e culturali.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com